Speciale mutui: Tasso fisso ancora in discesa

Continuano le buone notizie per chi deve comprare casa: nonostante un paventato “allarme spread” i tassi rimangono ai minimi.

Scendendo nel dettaglio si continuano a registrare seppur lievi diminuzioni sui tassi rilevati a fine 2018 (come nota l’ultimo Osservatorio mensile di MutuiOnline.it). Secondo l’Osservatorio per il mese di febbraio si è registrato un tasso fisso medio dell’1,89% sui mutui a 20 e 30 anni (1,90% a gennaio) e un tasso variabile medio dello 0,88% (0,87% a gennaio).

Aumentano, rispetto all’ultimo trimestre del 2018, le richieste con finalità acquisto prima casa (da 49,2% a 54,8%) e lo stesso trend si registra nelle erogazioni, dove la finalità acquisto prima casa cresce (da 44,4% a 47,6%).

L’importo medio richiesto si riduce rispetto allo scorso trimestre passando da una media di circa 131.526 euro agli odierni 130.405, mentre aumenta l’erogato che si avvicina molto al valore medio richiesto passando da 126.542 euro di fine 2018 a 130.161 euro come registrato dall’Osservatorio MutuiOnline.it a febbraio 2019.

La classe d’importo più richiesta resta quella medio-bassa che va dai 50mila ai 100mila euro (35,8%), e si allinea, quasi con le stesse percentuali, anche all’importo maggiormente erogato (35,4%).

Per quanto riguarda la durata dei mutui, acquista quasi 3 punti percentuali la richiesta per il periodo più lungo, 30 anni che passa dal 23,6% al 26,0% e lo stesso risultato si rileva per le erogazioni, che rimanendo sempre sui 30 anni guadagnano quasi 2 punti passando dal 16,9% al 18,5%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *